cliccare per visualizzare il menu

Provincia di Savona

Villa Gavotti
Villa Gavotti Villa Gavotti Villa Gavotti Villa Gavotti
Proprietà edificio: 
Provincia di Savona
Comune: 
Indirizzo: 
Piazza di Legino

L’immobile si trova in Legino, quartiere di ponente della città di Savona, in zona periferica posta a poche centinaia di metri dallo svincolo autostradale. Nelle vicinanze dello stabile si trovano diverse attività commerciali, farmacia, scuola e impianti sportivi (piscina e campi sportivi) nonché il polo universitario savonese.
Il quartiere è ben collegato al centro cittadino con i mezzi pubblici, inoltre gli stabilimenti balneari sono comodamente raggiungibili a piedi in poco più di cinque minuti.
La sosta in zona è agevole vista la presenza di diversi parcheggi ed il traffico veicolare contenuto.

Lo stabile fa parte del nucleo storico del quartiere e si può par risalire al settimo decennio del 1500. Edificato come casa di villeggiatura dal marchese Nicolò Gavotti ( all’epoca Legino era circondata da orti e sparse case rurali ) si trovava nelle immediate vicinanze dell’antica chiesa di Sant’Ambrogio e, insieme ad altri tre palazzi nobiliari di più recente edificazione, forma tutt’ora il perimetro della Piazza di Legino. Nel corso dei secoli ha mantenuto pressochè intatta la forma originaria a blocco rettangolare, a cui si sono aggiunti nel ‘700 un corpo laterale. Tra il 1887 ed il 1980 lo stabile accolse le Suore di Clausura Agostiniane. A tal fine si intervenne sugli interni per adeguare lo stabile alle esigenze della clausura. Si possono far così risalire ai primi del ‘900 la trasformazione del grande atrio al pianterreno in cappella aperta al pubblico culto e l’allestimento, sempre al pianterreno, di refettorio e parlatori.
Dal 1980 ad oggi lo stabile è inutilizzato e chiuso al pubblico.

L’edificio, di tre piani fuori terra e tetto a padiglione con manto di copertura in abbadini di ardesia, è caratterizzato sulla facciata a tramontana dal rivestimento in lastre di ardesia. Le restanti facciate sono semplicemente intonacate e partite dalle cornici marcapiano; gli originari decori sono ormai scomparsi. Il pianterreno presenta volte in muratura in parte affrescate ed in parte decorate con stucchi riferibili al ‘700, mentre i decori della cappella risalgono al ‘900. Attiguo alla cucina si trova il vecchio pozzo.
Al primo piano i soffitti sono costituiti da volte in muratura, nel grande salone sovrastante la cappella si trovano due bei camini con decori in stucco.

Il secondo piano ha volte in canniccio ed altezze contenute rispetto ai piani sottostanti. Tramite una scaletta interna si accede al sottotetto da cui si possono apprezzare il buon stato della struttura lignea che regge il cannicciato e della struttura portante della copertura. In cattivo stato è invece il manto di copertura in ardesia. Il pianterreno ed il primo piano sono collegati da uno scalone in marmo a due rampe. Altre tre scale di minor importanza collegano i vari piani. Tutti i pavimenti sono in mattonelle di cotto di antica fattura, tranne che nella cappella e nell’atrio in cui sono più recenti.

Allo stabile è annesso un appezzamento di terreno posto sul retro di complessivi 1750 mq con inclusi due piccoli fabbricati (presumibilmente vecchi magazzini e depositi). Il terreno, accessibile dalle stanze al pianterreno ed un tempo probabilmente utilizzato come orto e giardino, è attualmente incolto. I fabbricati sono ormai fatiscenti. L’immobile, allo stato attuale, è privo di impianti. I serramenti esterni in legno sono in pessimo stato.

Per maggiori informazioni

Servizio Provveditorato - Economato - Patrimonio

Ufficio Patrimonio

0198313204
0198313244
© 2019 Provincia di Savona · Sito realizzato e gestito dal Servizio Sistema Informativo · Crediti