Procedura aperta per selezione operatore qualificato per l’affidamento in concessione di servizi di prestazione energetica garantita, gestione e manutenzione (EPC- ENERGY PERFORMANCE CONTRACT) di 91 edifici di proprieta’ di 26 Comuni e della Provincia

Procedura aperta per la selezione di un operatore qualificato, ivi incluse le Energy Service Company (ESCO), per l’affidamento in concessione -mediante Partenariato Pubblico Privato art. 180 comma 1 del D.Lgs 50/2016 - di servizi di prestazione energetica garntita, gestione e manutenzione (EPC- Energy Performance Contract) di 91 (novantuno) Sistemi Edifici-impianto di proprietà dei 26 Comuni e della Provincia di Savona su da realizzarsi con Finanziamento Tramite Terzi (FTT) ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. m) ed art. 15 del D.Lgs. n. 115/2008 e in relazione ai principi e finalità di cui al D.Lgs 4-7-2014 n. 102.

In scadenza Mercoledì, 28 Novembre 2018
Entro e non oltre le ore 12,00

Attenzione

ATTENZIONE: Il 18 ottobre 2018 è stato aggiunto un Avviso nuovo termine ricezione offerte e apertura delle offerte

Documentazione

È disponibile la seguente documentazione:

Allegati: 

Aggiudicazioni ed avvisi

13/11/2018 - Avviso di pubblicazione modulo DGUE

Si allega il modulo DGUE in formato DOC

18/10/2018 - Avviso proroga

18/09/2018 - Avviso di proroga termine sopralluoghi

FAQ

DOMANDA 01

In riferimento al requisito di capacità economica e finanziaria di cui alla lett. A) par. III.2.2) del bando di gara che così recita:
Fatturato globale minimo annuo degli ultimi 3 (tre) anni antecedenti la data di pubblicazione del presente bando di gara pari ad almeno a………….omissis”, si chiede di confermare che tale requisito si intende soddisfatto nel caso di partecipazione di un’azienda costituita da meno di tre anni che ha realizzato nel 2017 un fatturato globale superiore ad € 45.000.000,00

Si chiede inoltre di confermare che al fine della comprova, in alternativa alla presentazione del bilancio non ancora depositato, è ammessa la presentazione del bilancio provvisorio e/o della dichiarazione resa dall’organo revisore contabile attestante il fatturato globale realizzato.

Risposta

In merito si richiama quanto stabilito dall’articolo 41, comma 3, del Codice dei contratti pubblici che prevede – qualora il concorrente non sia in grado, per giustificati motivi, ivi compreso quello concernente la costituzione o l’inizio dell’attività da meno di tre anni, di presentare le referenze richieste – la possibilità di provare la propria capacità economica e finanziaria mediante qualsiasi altro documento considerato idoneo dalla stazione appaltante.
Il concorrente deve dar prova della sua costituzione da meno di 3 anni e del fatturato maturato. Sarà la commissione a valutare se sussistono le condizioni di soddisfazione del requisito di partecipazione. Si ricorda che in questa fase i requisiti si dichiarano con dichiarazioni ex lege 445/2000. La comprova dovrà essere fornita solo in caso di aggiudicazione se non espressamente richiesto prima nel bando/disciplinare tra i documenti da produrre in busta.

Domanda 02

In riferimento al requisito di capacità economica finanziaria di cui alla lett. B) par. III.2.2) del Bando di Gara, ovvero “Fatturato specifico minimo annuo degli ultimi 3 (tre) anni antecedenti la data di pubblicazione del presente bando di gara per interventi di efficientamento energetico di Sistemi Edificio-Impianto, così come definiti dal D.Lgs. n.102/2014 e dalla direttiva 2012/27/UE, di importo non inferiore a……..omissis”, si chiede di confermare che un fatturato svolto nell’ambito di un contratto avente ad oggetto “Project financing relativo ad opere di metanizzazione e messa a norma delle centrali termiche e di manutenzione ordinaria del parco impianti di riscaldamento e di condizionamento” all’interno del quale la scrivente svolge il Servizio Energia, soddisfi il requisito richiesto.

Risposta

In merito a quanto indicato, la SA non può anticipare o sostituirsi alla commissione nella valutazione del possesso dei requisiti tecnici/professionali/economici/finanziari. Sarà cura della commissione valutare la pertinenza o attinenza al requisito del servizio dedotto dal concorrente.

Domanda 03

In riferimento al requisito di capacità economica finanziaria di cui alla lett. C) par. III.2.2) del Bando di Gara, ovvero “Dichiarazioni di almeno due istituti finanziari o bancari attestanti le capacità finanziarie ed economiche del soggetto concorrente a sostenere l’investimento finanziario per la realizzazione degli interventi di riqualificazione energetica e svolgimento dei servizi contrattuali” si chiede di confermare che, in caso di una società che intenda partecipare a tutti i lotti di gara, sia sufficiente presentare due (2) referenze bancarie che riportino nell’oggetto tutti e quattro i lotti per cui si presenta offerta e che attestino la capacità economica finanziaria dell’impresa.

Risposta

Si conferma che è sufficiente presentare due referenze bancarie con riferimento alla partecipazione a tutti e quattro i lotti per attestare la capacità economica finanziaria della concorrente tenendo conto che, in caso di partecipazione a più lotti, i requisiti richiesti sono costituiti dalla somma dei requisiti richiesti per ciascun lotto (Bando III.2.2 ultimo comma).

Domanda 04

In riferimento al requisito di capacità tecnica di cui alla lett. A) par. III.2.3) del Bando di Gara, “possesso di un organico tecnico professionale in grado di sviluppare i progetti che verranno predisposti e in grado di garantire l’espletamento di tutte le funzioni necessarie agli obblighi concessori; a tal fine, il concorrente dovrà fornire l’elenco dei titoli di studio e professionali del personale tecnico alle proprie dipendenze, o della cui collaborazione si avvale per l’esecuzione delle prestazioni oggetto della presente gara” si chiede di confermare che qualora si intenda avvalersi di una società di professionisti esterna, la stessa deve essere semplicemente indicata e non inserita come mandante di un costituendo raggruppamento.

Risposta

Non può essere semplicemente indicata la società di professionisti esterna. I requisiti di partecipazione alla gara debbono essere posseduti dalla concorrente in proprio, oppure in RTI, oppure attraverso l’istituto di avvalimento.

Domanda 05

In riferimento al requisito di capacità tecnica di cui alla lett. B) par. III.2.3) del Bando di Gara, ovvero “titolarità, negli ultimi tre anni antecedenti la data di pubblicazione del bando di gara, di contratti per servizi di efficientamento energetico a prestazione energetica garantita, per soggetti pubblici o privati, di cui almeno uno (1) contratto di prestazione energetica e finanziamento tramite terzi”, si chiede di confermare che un contratto avente ad oggetto “Project financing relativo ad opere di metanizzazione e messa a norma delle centrali termiche e di manutenzione ordinaria del parco impianti di riscaldamento e di condizionamento” all’interno del quale la scrivente svolge il Servizio Energia, soddisfi il requisito richiesto.

Risposta

In merito a quanto indicato, la SA non può anticipare o sostituirsi alla commissione nella valutazione del possesso dei requisiti tecnici/professionali/economici/finanziari. Sarà cura della commissione valutare la pertinenza o attinenza al requisito del servizio dedotto dal concorrente.

Domanda 06

In riferimento al requisito di capacità tecnica di cui alla lett. C) par. III.2.3) del Bando di Gara, ovvero possesso di “attestazione rilasciata da Società Organismi di Attestazione (SOA) regolarmente autorizzate, in corso di
validità, per le classi e le categorie richieste per eseguire i lavori proposti” si chiede di esplicitare quali sono le categorie SOA nonché le classifiche richieste.

Risposta

Non si possono esplicitare a priori le categorie SOA e le classifiche richieste poiché esse dipendono dalle tipologie di lavori ed interventi che i concorrenti vorranno proporre nell’offerta tecnica. Infatti nel bando si precisa che le classi e le categorie SOA da possedere devono essere corrispondenti ai lavori ed interventi proposti dal concorrente che sono liberamente scelti ed individuati per il raggiungimento degli obbiettivi di investimento e di risparmio energetico.

Domanda 07

Chiediamo conferma che, ai fini della dimostrazione della capacità tecnica e professionale del  “Fatturato specifico minimo annuo degli ultimi 3 anni antecedenti la data di pubblicazione per interventi di efficientamento energetico…” il triennio di riferimento sia 30.06.2015 – 30.06.2018.

Risposta

I tre anni antecedenti si intendono i tre anni riferiti ad esercizi finanziari completi ovvero 2015-2016-2017.

Domanda 08

Si richiede cortesemente copia del modello PEF ovvero delle linee guida per la realizzazione di interventi di efficienza energetica in partenariato pubblico privato redatto da Finlombarda in quanto al link indicato non risulta più disponibile.

Risposta

Si precisa che il Modello PEF FinLombarda non è vincolante ai concorrenti essendo incluso nelle Linee Guida senza imporre l'obbligatorietà del suo utilizzo ma solo a titolo esemplificativo o di riferimento. Si invitano i concorrenti a presentare un PEF corrispondente ai requisiti rappresentati nella documentazione di gara ai fini della comprova della sostenibilità economico-finanziaria dell'investimento proposto con l'offerta tecnica ed economica.

Domanda 09

Modalità di svolgimento dei sopralluoghi e tempo a disposizione, dalla documentazione tecnica richiesta in sede di offerta parrebbe necessario un rilievo puntuale di ogni singolo edificio

Risposta

Le modalità di svolgimento del sopralluogo sono indicate dettagliatamente nel disciplinare al punto. 4.3 prendendo contatti direttamente con il referente comunale per prendere visione degli edifici dei comuni che fanno parte del lotto per il quale si intende partecipare.

Domanda 10

Cumulabilità del programma ELENA con il Conto termico e in caso positivo, la possibilità per la ESCO, se certificata UNI CEI11352, di considerare le risorse provenienti dal conto termico all'interno della proposta.

Risposta

Si precisa che il programma Elena non eroga alcun contributo finanziario ai concorrenti per il finanziamento degli investimenti degli interventi di riqualificazione energetica.
In merito ai contributi pubblici come il conto termico, si richiama l’art. 21 dello schema di contratto EPC che prevede il diritto del concessionario a tali contributi. Si ribadisce, in ogni caso, che il contratto di prestazione energetica dovrà confermare la sua caratteristica ‘off-balance’ per il comune concedente con rischio operativo a carico del concessionario, pertanto i contributi pubblici potranno essere conseguiti nei limiti fissati dalla normativa vigente. Tale caratterizzazione della copertura finanziaria dell’investimento dovrà risultare evidenziata nel PEF presentato dal concorrente.

Domanda 11

Si richiede la conferma della possibilità di partecipare a singoli Lotti.

Risposta

Si conferma.

Domanda 12

Le percentuali di risparmio previste (particolarmente sfidanti) sembrano strettamente connesse al finanziamento previsto dal programma ELENA; si richiede se tali percentuali sono inderogabili anche nel caso di copertura del'investimento da parte dell'operatore senza impatti sul canone.

Risposta

Si ribadisce quanto specificato sopra: il programma Elena non eroga alcun contributo al concorrente per finanziare gli interventi di riqualificazione energetica che sono interamente a carico del concorrente aggiudicatario. Pertanto, la restante parte del chiarimento appare poco chiaro e bisogna riformulare all’esito della precisazione.

Domanda 13

Relativamente all'art. III.2.2) Capacità economica e finanziaria del bando, si parta di "... fatturato globale o specifico minimo annuo degli ultimi tre anni.." questo vuol dire che per ciascun anno il fatturato dovrà essere uguale o maggiore agli importi prescritti per i singoli lotti?
Oppure dovremo considerare la somma del fatturato degli ultimi tre anni, e verificare che rispetti i parametri i singoli lotti?

Risposta

Per soddisfare il requisito di capacità economica – finanziaria si richiede il che il fatturato complessivo per i tre anni di riferimento sia superiore all’importo prescritto per il singolo lotto. Se si partecipa a più lotti il fatturato deve superare la somma degli importi per tutti i lotti a cui si vuole partecipare.

Domanda 14

In riferimento al requisito di capacità economica e finanziaria di cui alla lettera B) par. III.2.2. del Bando di gara ovvero "Fatturato specifico minimo annuo degli ultimi tre anni antecedenti la data di pubblicazione del presente bando di gara per interventi di efficientamento energetico di Sistemi Edificio-Impianto, così come definiti dal D.Lgs. n. 102/2014 e dalla direttiva 2012/27/UE, di importo non inferiore a.....omissis", si chiede se il fatturato specifico di ognuno dei tre anni considerati deve essere superiore/uguale alla cifra specificata oppure se è sufficiente che lo sia almeno uno; oppure se la somma dei tre anni deve essere superiore/uguale alla cifra specificata.

Risposta

Vedere faq precedenti

Domanda 15

Per quanto riguarda il materiale dell'offerta tecnica, definito nel Disciplinare, ovvero "Relazione illustrativa in formato A4 che si compone di non più di dieci facciate fronte retro", si chiede un chiarimento in merito al numero di facciate se 10 o 20.

Risposta

10 (dieci)

Domanda 16

Per quanto riguarda l’oggetto del bando chiediamo se è inclusa anche la fornitura di energia, poiché quest’ultima è citata solo ed esclusivamente nel Capitolato Speciale al cap. 2 “Definizioni”, mentre non è esplicitata in altre parti.

Risposta

Si conferma che non è inclusa la fornitura di energia.

Domanda 17

Chiediamo conferma del fatto che la Manutenzione Ordinaria (cap. 6.1.2 – Capitolato Speciale) sia relativa ai soli impianti mentre la Manutenzione Straordinaria (cap. 6.1.3 – Capitolato Speciale) riguardi sia gli impianti che l’edificio.

Risposta

Ad integrazione e specificazione dei capitoli 6.1.2 e 6.1.3 del Capitolato Speciale, si precisa che la manutenzione ordinaria e straordinaria va effettuata su tutto il patrimonio pubblico oggetto di consegna alla Concessionaria e attinente alla prestazione energetica dell’edificio, per le sole parti oggetto di intervento di riqualificazione energetica, siano essi impianti e/o strutture edilizie.

Domanda 18

Infine, chiediamo se la Manutenzione Ordinaria (cap. 6.1.2 – Capitolato Speciale) deve essere garantita su tutti gli impianti o soltanto su quelli oggetto di interventi di efficientamento energetico?

Risposta

Si veda in merito la risposta al quesito n. 2.

Domanda 19

Per il conteggio dell'investimento minimo oltre alle spese strettamente connesse alle opere (quali fornitura del materiale, posa in opera, progettazioni, sicurezza, ecc...) è possibile includere anche spese tipo:
- Asseverazioni
- Spese contrattuali
- Spese di gestione della procedura

Risposta

L'importo indicato dal concorrente a titolo di investimento deve riguardare unicamente i costi sostenuti per realizzare gli interventi di riqualificazione dell'impianto in osservanza dell'oggetto del servizio contrattuale. Non sono ammissibili spese e costi diversi come quelle indicate a titolo esemplificativo

Domanda 20

La spesa indicata in preventivo, deve fare riferimento ad un prezzario regionale oppure può riportare prezzi di mercato?

Risposta

I prezzi di riferimento sono quelli di mercato

DOMANDA 21

Si richiede se è un obbligo prevedere almeno un intervento per edificio all'interno di uno specifico lotto oppure no

Risposta

Si faccia riferimento quanto previsto ai punti 5.3.1 e 5.3.2 del disciplinare.In particolare si veda quanto previsto al punto 5.3.2: "I concorrenti dovranno produrre Relazioni Illustrative degli Interventi offerti una per ogni Sistema Edificio-Impianto di ogni singolo Lotto a cui si intende partecipare, da realizzarsi entro 24 mesi dalla Data di Presa in Gestione (cfr. art. 8.1. Capitolato), ed elencati nell’Allegato 1 dello Schema di Contratto EPC al fine di restituire la progettualità proposta e supportata dalla descrizione dell’analisi energetica prodotta."

Domanda 22

Si richiede conferma in merito al fatto che il sopralluogo obbligatorio possa essere eseguito da uno solo dei componenti dell'ATI costituenda.

Risposta

Si conferma

Domanda 23

Si richiede di confermare che la procedura di calcolo del risparmio garantito indicata nell'esempio nel documento excel allegato sia conforme con le indicazioni riportate nel Disciplinare di gara al punto 5.4.2

Risposta

La Stazione Appaltante non può anticipare valutazioni sulla correttezza o meno di modalità di presentazione di proposte di merito anche se meramente esemplificative. Si chiede ai concorrenti di attenersi alle prescrizioni della documentazione di gara ed ai moduli forniti.

Domanda 24

In riferimento all’oggetto relativamente alle dichiarazioni di due istituti finanziari richieste a pag. 11 del bando di gara e pag. 13 del disciplinare si richiede se in caso di partecipazione in ATI le stesse sono richieste ad un solo Componente della ATI (Capogruppo?) o anche alla/e Mandanti e, in questo caso, se in base alla % del raggruppamento

Risposta

In merito si precisa che nel Bando di Gara all’art. III.2.2) penultimo comma, - capacità economica-finanziaria, si precisa che in caso di RTI, costituito o costituendo, il requisito (c) per ciascun lotto delle referenze bancarie deve essere rispettato da ciascun componente del raggruppamento. Si fa espresso richiamo all’applicazione dell’art. 83 comma 8 del D.Lgs 50/16 che consente di rimandare alla Stazione Appaltante la misura del possesso del requisito per i singoli componenti del RTI. Ne consegue pertanto che per effetto del finanziamento dell’intervento da parte dell’aggiudicataria le referenze di solidità finanziaria debbono essere possedute da tutti i componenti del RTI.

Domanda 25

Si richiede inoltre conferma che le “referenze bancarie”( cosi’ nominate alla risposta n. 03 ai quesiti gia’ pubblicata) debbano contenere un impegno a sostenere l’investimento finanziario relativamente ad ogni lotto

Risposta

Si precisa che le referenze bancarie debbono contenere impegni tali da soddisfare la somma dei requisiti per ciascun lotto se si partecipa a più lotti.

Domanda 26

Con riferimento al requisito previsto al punto III.2.1), lettera E. del bando di gara, si chiede di confermare che il possesso dei requisiti prescritti dalla normativa vigente per l’assunzione della qualifica di Terzo Responsabile possa essere soddisfatto mediante avvalimento, ai sensi dell’art. 89 del D.Lgs. 50/2016 e del punto VI).3, lettera d) del bando, con un operatore in possesso dei requisiti necessari che eseguirà direttamente le prestazioni relative alla figura di Terzo Responsabile;

Risposta

Si conferma che il requisito potrà essere soddisfatto con avvalimento e che l’impresa ausiliare dovrà produrre tutta la relativa documentazione di partecipazione alla gara nella qualità indicata e quella specifica del rapporto di avvalimento ex art 89 con espressa dichiarazione di svolgere direttamente ed in proprio le prestazioni relative alla figura di Terzo Responsabile.

Domanda 27

Con riferimento al requisito previsto al punto III.2.2), lettera B. del bando di gara, si chiede di confermare che, in caso di raggruppamento, il fatturato specifico minimo annuo possa essere posseduto interamente dalla capogruppo mandataria, come previsto all’art. 83, comma 8 del D.Lgs. 50/2016.

Risposta

Si conferma come previsto dall’art. III.2.2) penultimo comma del Bando di Gara che, in caso di raggruppamento temporaneo, costituito o costituendo, di imprese, il requisito sub (A) e sub (B) potranno essere rispettati dal raggruppamento nel suo insieme, senza prevedere l’obbligo di un minimo possesso del requisito per ciascun componente del RTI’. Pertanto, il fatturato minimo specifico potrà essere soddisfatto anche dalla sola mandataria.

Domanda 28

Relativamente agli allegati da presentare nella busta A) Documentazione Amministrativa, al paragrafo 5.2 del disciplinare p.to 7 si richiede 'Dichiarazioni di almeno due istituti finanziari o bancari attestanti le capacità finanziarie ed economiche del soggetto concorrente a sostenere l’investimento finanziario per la realizzazione degli interventi di riqualificazione energetica e svolgimento dei servizi contrattuali tenuto conto del numero di lotti a cui si partecipa'.
In caso di RTI non ancora costituita, le lettere devono essere presentate solo dalla società che farà da capogruppo?

Risposta

Vedi FAQ 24

DOMANDA 29

Oltre alla proroga del termine fissato per la consegna dell'offerta si richiede tale proroga anche per l'inoltro di eventuali richieste di chiarimento

Risposta

Il termine ultimo per la presentazione di richieste di chiarimento - FAQ è prorogato al giorno 16 novembre 2018 ore 12:00.

Domanda 30

In merito alla risposta n. 24, in caso di ATI le referenze devono essere possedute da tutti i componenti della ATI in misura percentuale rispetto alla singola quota di partecipazione come mandante/mandataria?

Risposta

Tutti i componenti del RTI debbono avere le referenze bancarie e complessivamente debbono soddisfare il requisito previsto nel Bando poiché sussiste la solidarietà del RTI concessionario nei confronti del Comune Concedente a valle della firma del contratto.

Domanda 31

L’importo totale da garantire per ogni lotto e’ il valore dell’affidamento indicato sul bando di gara?

Risposta

Si conferma

Domanda 32

Si richiede di chiarire se i consumi elettrici indicati nelle base line siano espressi in kWh elettrici (al contatore) oppure siano espressi in kWh di energia primaria (includendo il rendimento medio di produzione del parco elettrico nazionale).

Risposta

I consumi elettrici indicati in baseline sono espressi in kWh elettrici e non in energia primaria

Domanda 33
I consumi riportati nelle tabelle ALL01_CAPITOLATO_BASELINE relative ai singoli lotti coincidono con la media dei consumi effettivi del triennio analizzato, riportati nelle diagnosi energetiche presenti nel portale ftp. In alcuni casi, tuttavia, sono presenti delle discordanze anche significative. Si richiede, pertanto, di chiarire a cosa sono dovute tali differenze. Si elencano di seguito i siti con scostamenti di consumi elettrici e termici:

CODICE

EDIFICIO

Consumi effettivi da Diagnosi (kWhe)

Consumi base line (kWhe)

Scarto kWhe tra Consumi effettivi e tabelle ALL01_CS

PROV-85

liceo 155el e Palestra Rivettì

61.117,00

98.923

-61,86%

BRV-14

Centro sociale

5.643,00

5.410,00

4,13%

BRM-!7

Municipio

10.505,00

9.404,00

10,48%

LNO·42

Palestra e spogliatoi del campo da calcio

4.133,34

47.127,00

-1040,17%


 

CODICE

EDIFICIO

Consumi effettivi da Diagnosi (kWht)

Consumi basellne (kWht)

Scarto kWht tra Consumi effettivi e tabelle AllOl_CS

PROV-84

Istituto professionale per "industria e l'artigianato L Da Vinci

219.858,84

243.076

-10,56%

8RS-11

Plesso scolastico ­Scuola materna e Asilo nido

229.229,59

255.011.00

-11,25%

BRS-13

Municipio

205.823,78

220.598,00

-7,18%

BRM-17

Municipio

136.920,00

149.480,00

-9,17%

FNl-32

Scuola Infanzia JUlIA AUGUSTA-SCUOLA INFANZIA

118.383,76

135.573,00

-14,52%

ALB·4

Municipio

90.785,82

96.297

-6,07%

AlB-5

Residenza protetta SS. Nicolò e Giuseppe

173.300,46

156.046

9,96%

Cll-21

Stadio comunale "Giuseppe Olmo"

21.317,13

22.433

-5,23%


 

Risposta
Si specifica come riportato nelle note nell'ultima pagina degli Allegato 01_Capitolato_Baseline di ciascun lotto che ai fini del calcolo del canone come da allegato A del Contratto sono da utilizzare i soli valori riportati nel presente Allegato che in alcuni casi sono differenti rispetto all'Allegato 2 Diagnosi Energetiche. In ciascun allegato sono specificate le tipologie di modifiche apportate.
Domanda 34

Nel disciplinare di gara al punto 5.4.2 RISPARMIO ENERGETICO COMPLESSIVO GARANTITO ANNUO si richiede di esprimere la percentuale di "Risparmio Offerto" come media ponderata dei risparmi percentuali elettrici e termici offerti, secondo i pesi percentuali forniti nelle tabelle allegate, distinte per Lotto e pr ogni Ente. Al fine di rispondere in maniera adeguata a tale obbligo, si chiede di esplicitare la formula da utilizzare per il calcolo del "Risparmio offerto %" e dei risparmi % di energia elettrica e termica offerti.

Risposta

"Nella casella "Risparmio % Energia Elettrica (EE) Offerto" va indicata la % del ribasso offerto per la componente energia elettrica;
Nella casella "Risparmio % Energia Termica (ET) Offerto" va indicata la % del ribasso offerto per la componente energia termica;
Nella casella "RISPARMIO OFFERTO (>30% per Ente Locale)" va indicata la % di risparmio complessivo calcolata come media pesata dei due risparmi indicati nelle caselle precedenti. Per l'individuazione dei pesi percentuali si deve far riferimento alle tabelle fornite per ciascun ente di ciascun lotto. Tali tabelle indicano il peso delle due componenti energia elettrica ed energia termica.
Esempio numerico:
Lotto 1 Provincia di Savona
Risparmio % Energia Elettrica (EE) Offerto: 30%
Risparmio % Energia Termica (ET) Offerto: 40%
RISPARMIO OFFERTO (>30% per Ente Locale): 12% di 30 + 83,6% di 40: 37,04%

Domanda 35

Alla pagina 3 del documento ALL01_CAPITOLATO_BASELINE_Lotto3, per l'edificio LNO-42 Palestra e spogiatoi del campo da calcio, viene riportato un consumo elettrico di base pari a 47.127 kWhe, tuttavia nella diagnosi energetica presente nel sito ftp, DE_Loano_Spogliatoi Campo da Calcio - Rev 1.pdf, alla pagina 28 di 53, riporta un Fabbisogno di energia elettrica relativo al 2016 pari 4.133,34 kWhe, ovvero 10 volte più basso di quello riportato nella tabella dell'ALL01. Si richiede, pertanto, di chiarire se il consumo di baseline indicato in ALL01 sia corretto e, in caso affermativo, di chiarire la differenza rispetto alla Diagnosi Energetica. Qualora la Diagnosi Energetica fosse parziale, si richiede di pubblicare nel portale ftp la Diagnosi Energetica completa o quella relativa al sistema edificio- impianto mancante (POD IT001E04553325)

Risposta

Si tenga conto dei dati riportati in baseline.

Domanda 36

In riferimento all’oggetto vorremmo porre un ulteriore quesito:

le garanzie che verranno prodotte dai due soggetti bancari per ciascun componente della RTI dovranno riportare come importo complessivo (somma dei singoli componenti dell’Rti) il valore proposto dall’ente in baseline o se gli investimenti risultassero superiori, detta somma dovrà rispettare la proposta del concorrente RTI?

Risposta

"In questa fase di partecipazione alla gara, la dichiarazione di cauzione definitiva deve prevedere l’impegno del singolo componente della RTI alla copertura dell’investimento offerta SENZA DARE ALCUNA INDICAZIONE SULLA SOMMA INVESTITA O IMPEGNATA non potendo inserire nei documenti amministrativi elementi che possono indicare l’ammontare dell’offerta economica.

Solo in caso di aggiudicazione della gara, in sede di stipula del contratto, sarà necessario che la somma degli impegni di ciascun componente della RTI sia pari o maggiore dell’investimento offerto in gara dalla concorrente."

Domanda 37

"Si segnala che in fase di sopralluogo si è¨ constatato che alcun interventi rientranti fra quelli previsti negli scenari riportati in allegato di gara in oggetto sono stati già realizzati presso alcuni siti. Si richiede, pertanto, come ci si deva comportare in tali casi"

Risposta

Gli interventi di cui agli scenari dell’Allegato 1 al Capitolato, come specificato nel medesimo documento, sono da considerarsi a solo scopo di riferimento.
Pertanto, è piena facoltà del concorrente proporre le soluzioni tecniche ed economiche che riterrà più appropriate, nell’ambito sia l’offerta tecnica che di quella economica, e che dovranno essere in ogni caso redatte tenendo in considerazione quanto rilevato nel corso dei sopralluoghi obbligatori effettuati, nel rispetto dei valori minimi di investimento per lotto, dei valori minimi di risparmio energetico garantito per Ente Locale e di sostenibilità del PEF, secondo quanto previsto dal Disciplinare di Gara e dai relativi allegati.

Domanda 38

Richieste chiarimenti ed integrazioni alla FAQ numero 34.

Risposta

Con riferimento al chiarimento in oggetto, ad ulteriore integrazione e precisazione della FAQ n. 34 già pubblicata sul profilo del committente, si precisa che all’art. 5.4.2 del Disciplinare di Gara, per il calcolo delle % di risparmio energetico offerto a livello di Ente Locale di cui alle celle con sfondo grigio della tabella riportata, deve essere effettuata le media pesata dei due risparmi elettrici (EE) e termici (ET) secondo i pesi percentuali della tabella successiva, ricavati sulla base dei consumi della Baseline.

- Esempio: Con offerte di 100 per EE e 100 per ET per CAIRO MONTENOTTE
(100 X 0,5% + 100 X 3,9%) / (0,5% + 3,9%) = (0,5% +3.9%) /4,4% = 1% /1% = 100%
La media pesata nell'esempio del quesito è il 100% quindi superiore al minimo di gara del 30% richiesto.

- Esempio: con offerte di 30 per EE e 40 per ET per CAIRO MONTENOTTE
(30 X 0,5% + 40 X 3,9%) / (0.5%+ 3.9%) = (0,15% + 1,56 %) / 4.4 % = 1,71%/ 4.4% = 38.86%
La media pesata nell'esempio del quesito è il 38,86% quindi superiore al minimo di gara del 30% richiesto.

- Esempio: con offerte di 25 per EE e 30 per ET per CENGIO
(25 X 1,30% + 30 X 7,50%) / (1.30%+ 7.50%) = (0,325% + 2.25%) / 8.8 % = 2.575%/ 8.8% = 29.261%
La media pesata nell'esempio del quesito è il 29,261% quindi superiore al minimo di gara del 20% richiesto.

Il presente chiarimento integra quello precedentemente segnalato.

Domanda 39

Si chiede conferma che nel caso di comuni con più edifici, i valori di risparmio di energia elettrica ed energia termica offerti da indicare nel modulo di offerta economica siano da calcolarsi come rapporto tra la somma dei risparmi offerti sui singoli edifici ed i rispettivi consumi di baseline.
Esempio numerico con i valori di baseline -LOTTO 2 COMUNE DI SAVONA

Risposta

Si conferma la correttezza metodologica dell’approccio per il calcolo del risparmio EE e ET come da esempio proposto e che andranno inseriti nei rispettivi campi della Tabella 2 di cui all’Allegato 5 al Disciplinare di Gara “Offerta Economica”.
Si ricorda altresì che il valore da indicare nella medesima Offerta Economica, con riferimento al Risparmio Offerto all’Ente dovrà essere calcolato secondo quanto previsto dall’ art. 5.4.2 del Disciplinare di Gara e come ulteriormente chiarito e specificato nelle FAQ n.34 e n.38.

AllegatoDimensione
Allegato87.04 KB
Domanda 40

In relazione agli allegati al Disciplinare:
Allegato 1 Disciplinare – Interventi Previsti: dimensioni e prestazioni;
Allegato 2 Disciplinare – Interventi Previsti: Costi unitari;
Si chiede di confermare la possibilità di inserire ulteriori colonne con intestazione di colonna “Altro (specificare:……)” per poter introdurre ulteriori tipologie di intervento oltre a quelle già indicate nei sopracitati allegati.

Risposta

Si conferma, purchè vengano mantenute inalterate la struttura e le informazioni delle tabelle così come allegate al disciplinare.

Domanda 41

Il disciplinare di gara, all’art. 5.3.2, riporta:
“La Relazione illustrativa dovrà essere accompagnata da un computo metrico non estimativo (ovvero un computo metrico privo dei prezzi unitari) con un dettaglio per singolo edificio degli interventi proposti come da Allegato 1 “INTERVENTI PREVISTI: dimensioni e prestazioni” e potrà essere accompagnata da elaborati grafici”.
Si chiede di confermare che sia corretta l’interpretazione secondo cui il richiesto computo metrico non estimativo coincida con l’Allegato 1 “Interventi Previsti” e che quindi per ottemperare alle richieste del Disciplinare di gara, le Relazioni dei Sistemi Edificio – Impianto debbano essere accompagnate dall’allegato 1 “Interventi Previsti” oltre ad eventuali elaborati grafici.

Risposta

Il computo metrico non estimativo dovrà essere costituito da un documento separato e contenuto nella busta B ”Offerta Tecnica” in quanto documento accompagnatorio della Relazione Illustrativa, uno per ciascuno dei Sistemi Edificio-Impianto per i Lotti n. 1 e n. 2 e uno per ciascuno dei Comuni per i Lotti n. 3 e n. 4, così come specificato all’art.5.3.2 del Disciplinare di Gara. Il computo metrico non estimativo non coincide quindi con l’Allegato 1 “INTERVENTI PREVISTI: dimensioni e prestazioni” ma dovrà costituire rispetto allo stesso un documento separato ma che dovrà essere strutturato per singolo edificio e con un livello di dettaglio relativamente alle voci di computo, coerente con quanto previsto e offerto nel citato Allegato 1 nonché nell’Allegato 2 “INTERVENTI PREVISTI: costi unitari”, senza ovviamente contenere riferimento alcuno ai costi o ad altri elementi propri dell’offerta economica.

Domanda 42

Si chiede di chiarire se gli interventi riportati nell’Allegato 1 al Capitolato siano da intendersi come interventi minimi ed obbligatori di cui si richiede la realizzazione “a pena esclusione” o se siano da intendersi come indicazioni delle esigenze dei sistemi edificio-impianto, lasciando comunque al concorrente la facoltà di scegliere gli interventi di riqualificazione energetica ritenuti più idonei al fine di garantire il raggiungimento della condizione di ottimo tecnico ed economico della proposta, anche in funzione di quanto riportato all’Allegato 2 - “Diagnosi energetiche” al Capitolato.

In merito a ciò si evidenzia ad esempio che per l’edificio afferente al Lotto 4: ALB-5, dove le caldaie sono una del 2012 ed una del 2016, la diagnosi non riporta indicazione alcuna sulla necessità di sostituzione del generatore, mentre nell’Allegato 1 al Capitolato, per tale edificio viene segnalata tra gli interventi impiantistici la sostituzione della caldaia.

Risposta

Si veda in merito il chiarimento già fornito, di cui alla FAQ n.37.

Domanda 43

Per gli edifici facenti parte di un determinato lotto per i quali non sono stati forniti i valori di baseline di energia elettrica consumata, non è possibile prevedere interventi di diminuzione di tali consumi (es. installazione di impianti fotovoltaici oppure relamping...) poichè il risparmio di energia elettrica associabile non può essere valutato in termini di diminuzione percentuale e quindi non può concorrere al raggiungimento del risparmio minimo previsto per singolo ente locale, è corretto? Oppure è possibile conteggiare queste quote di risparmio di energia elettrica pesandole sui consumi termici invece forniti come baseline?

Risposta

Con riferimento agli edifici per i quali non è indicata alcuna baseline di energia elettrica non è ovviamente possibile realizzare interventi di efficientamento energetico sul vettore elettrico, quindi il valore di risparmio percentuale EE è annullato e non richiesto.

Per quanto riguarda il calcolo della % di risparmio energetico offerto a livello di Ente Locale si faccia riferimento a quanto previsto art. 5.4.2 del Disciplinare di Gara e agli ulteriori chiarimenti di cui alle FAQ n.34 e n.38.